Dormire a Copenaghen: a ciascuno il suo hotel

Dormire a Copenaghen

© Gavin Anderson

Nella costosa capitale danese conviene scegliere un alloggio in centro per risparmiare i soldi degli spostamenti. Cercate di non andare troppo fuori dal nucleo di Copenaghen: il cuore pulsante della città è lo Strøget, la via pedonale più conosciuta e frequentata, dove abbandonarsi al flusso e fare tappa alla Fontana delle Tre Cicogne. Per poi spostarsi nel quartiere di Nyhavn, dove le case colorate di azzurro, giallo e rosso conservano ancora tutto il loro fascino assieme al canale gremito di barche e pescherecci.

lusso O Lusso o niente

Avveniristico nelle linee esterne, ultra moderno negli arredamenti scandinavi e nella tecnologia, il grattacielo Bella Sky Comwell Hotel (Center Boulevard 5 – da 373,00 € la doppia per 2 notti) si distingue per le sue finestre trapezoidali che regalano una bella luce in ogni stanza. Dotato di comfort e attrezzature ricreative (tra cui sauna e bagno turco), ha personale multilingue che vi aiuterà in ogni situazione. Le stanze sono ben 814 e la peculiarità sta nel 17° piano della torre 2, riservato alle sole donne: nessun uomo può varcare la soglia, neppure il personale maschile dell’hotel. Se invece cercate qualcosa di un po’ retrò, c’è un vecchio magazzino portuale ristrutturato, il 71 Nyhavn (da 340,00 € in doppia per 2 notti); uniche note dolenti: le camere sono piccole e il conto salato se rimanete ammaliati dal ristorante.

Sogni d’oro Quattro stelle accessibili

© Bjarne64

© Bjarne64

Sarete occupati a visitare la città, ma seppiatelo: per gli ospiti dell’hotel Kong Arthur (Nørre Søgade 11 – da 80,00 € a persona) sono previste facilitazioni per l’accesso alla Ni’mat SPA all’interno della struttura, il centro benessere più gettonato nella capitale per ritemprare le vostre membra dopo lo struscio sullo Strøget, a 5 minuti di distanza. La posizione poi è eccellente, a 15 minuti dalla stazione metro di Nørreport che vi porta direttamente in aeroporto e a 10 minuti dai Giardini di Tivoli. La zona è tranquilla anche grazie alla vista sui laghi, e dietro l’hotel si trova la conosciuta zona Nansensgade, l’area trendy di Copenhagener con caffetterie accoglienti, negozi di design e botteghe caratteristiche. La hall fa molto salotto di casa, il wifi è ovviamente gratuito e la colazione merita un pollice in su, vista l’abbondanza di ottimi succhi di frutta e frullati.

Sogni d’argento Mi piace originale

Se cercate una specie di galleria d’arte trasformata in hotel siete accontentati: ogni stanza all’Hotel Fox ha un proprio nome e una propria connotazione. Tutte le camere sono il frutto del delirio di 21 celebri artisti contemporanei. Evitate la stanza 409, Heidi, vero inno kitch alla Svizzera, e scegliete con cura la camera: almeno la misura large (da 311,00 € in doppia per 2 notti) e di recente ristrutturazione, altrimenti rischiate la delusione. I bagni sono piccoli e la colazione un po’ cara ma… Accanto c’è un buon ristorante giapponese.

Sogni. E basta. Lo voglio ecologico

© Emilio Corvino

© Emilio Corvino

Se l’non potete prescindere dal “costruito all’insegna della tecnologia rispettosa dell’ambiente, con emissioni zero e totalmente ecocompatibile”, il Crowne Plaza (Ørestads Boulevard 114 – da 138,00 € in doppia per 2 notti) è quello che fa per voi. E’ stato il primo albergo in Danimarca che si è avvalso di un sistema di raffreddamento e riscaldamento basato sulle acque sotterranee e rimane l’unico hotel a carbone neutro mai costruito sul territorio. Le lampade sono a risparmio energetico, e ovviamente esiste un sistema di pannelli solari. In più le cyclette in area fitness permettono di guadagnare un buono, spendibile presso il ristorante, se si raggiunge una certa quota di km. pedalati, utili per fornire parte dell’energia elettrica all’albergo. Le camere sono grandi rispetto agli standard danesi, anche se la posizione è un po’ decentrata. Si sono comunque organizzati: servizio shuttle con l’aeroporto gratuito, richiedibile dal desk del punto informazioni agli arrivi. Si trova comunque a tre minuti di distanza dalla metro e dai treni.

Sogni. E basta. Non ho un ghello e mi piace la compagnia

L’Ajax Hostel (Bavnehoj All 30- da 15,00 €) è un’ottima soluzione per risparmiare, un campeggio un po’ diverso dal solito dove si può scegliere se affittare una tenda, un bungalow o stare in dormitorio. La roulotte-cucina e il grande barbecue si prestano per conoscere gente e creare una bella compagnia, cucinando e mangiando all’aperto nel prato vicino al piccolo torrente. Se siete meno agresti scegliete il Danhostel Copenaghen City (H.C. Andersen Boulevard – 20,00 € circa), ostello in pieno centro che offre stanze essenziali arredate da famosi designer, con un internet café e una sala giochi per i più piccoli.