Mercati e mercatini a Londra: 5 consigli fuori dal coro

Avete già girato in lungo e in largo la capitale britannica e conoscete a menadito musei e monumenti architettonici? Dedicatevi allo shopping! Non da Harrod’s… Qui parliamo di mercati e in particolare vi suggeriamo 5 mete fuori dal coro, insomma non il solito Portobello (che vale di certo una visita, ma che può trasformarsi in una trappola per turisti); e nemmeno il favoloso Camden Lock, ormai conosciutissimo, e trasformatosi in un vero e proprio quartiere costituito da un insieme di tanti folli, meravigliosi, differenti mercati (tra cui Market Hall, Stables Market e Inverness Market). La nostra è una top 5 per Londinesi doc!

Southbank Centre Book Market

mercatini Londra: London books Southbank

© KF

Belvedere Road, Southwark. Per chi è a caccia di libri usati, addirittura antichi, magari anelando “l’affare”, è d’obbligo una bella passeggiata lungo la Queen’s Walk sulla sponda meridionale del Tamigi fino ad arrivare sotto il Waterloo Bridge. Qui dal 1982 ogni giorno decine di bancarelle – tavolate di legno appoggiate a cavalletti – espongono una quantità piuttosto corposa di letteratura, poesia, arte, stampe, fotografie, riviste, carte geografiche e tanto altro. Tutto rigorosamente di seconda mano, ma ben tenuto. Durante l’estate l’esposizione è tra le 10.30 e le 18.30, mentre d’inverno l’orario si riduce dalle 12.00 alle 17.30, con la nebbia e pure la pioggia, ma non se il tempo è esageratamente inclemente. Vi consigliamo questo mercato per la gran varietà di generi e la cortesia degli espositori. Non fatevi scrupoli a chiedere un volume particolare, potrebbero stupirvi. Oltretutto non vi guarderanno con occhio truce se annuserete i libri… Per sentirne la lunga storia.

Borough Market

Mercati Londra: Borough Market

© Ale Mad

Southwark Street 8, Southwark. Sempre nella parte di South Bank, arrivati sotto il London Bridge, lasciatevi prendere per la gola: al Borough Market potrete bere un fantastico centrifugato di frutta passeggiando tra le mille proposte sui banconi che spaziano dal pane, ai formaggi di capra, passando per i dolci e le birre di qualità. Si dice che questo piccolo eden alimentare si sia radicato nella zona da ben 250 anni e che abbia origini antiche, fin dalla costruzione del primo ponte romano sul Tamigi. Comunque sia, il mercoledì dalle 11.00 fino alle 17.00, ogni venerdì pomeriggio e durante il sabato, la caccia al prodotto di qualità si fa qui. Non si può sminuire il Borough chiamandolo semplicemente mercato alimentare: qui si trovano leccornie da tutto il mondo con standard elevati, prodotti freschi e tipicità locali. Come resistere agli assaggini di marmellate bio o non rimare rapiti di fronte a dimostrazioni culinarie dai profumi appetitosi? In più, dal lunedì al mercoledì, ci si viene all’ora di pranzo per un pasto informale ma di gran gusto, preparato dai vari fornitori che vendono durante i giorni di mercato: è il caso di Soul Food che propone sapori caraibici grazie alla perizia di Patrick o di Bianca e Mora, se volete ritrovare un po’ d’Italia piluccando parmigiano e ottimi salumi. Trovate la vasta offerta per scegliere il vostro pranzo ideale qui.

Columbia Road flower Market

Mercatini Londra: Columbia Road Flower Market

© Ale Mad

Columbia Road – tra Gosset Street e il Royal Oak Pub – Tower Hamlets. Se siete a Londra per il week end, qui probabilmente non acquisterete nulla dato che il tema sono fiori e piante in tutte le loro infinite declinazioni, anche le più rare. Ma è sempre un buon posto per un presentino se siete ospiti da qualcuno, magari da una fanciulla… Potete fare un buon affare e bella figura allo stesso tempo. Inoltre ai lati del corso ci sono tantissimi negozietti deliziosi, tipo lo splendido Openhouse (al 152 di Columbia Road), e gallerie come Elphic’s (al civico 160) o Nelly Duff (al civico 156), dove non vi accorgerete del tempo che passa tra oggettistica originale, stampe, foto, abiti vintage, quadri e ovviamente attrezzi per il giardinaggio! Per godere della vera anima di questo mercato dovete presentarvi di domenica mattina presto (iniziano alle 6.00 a scaricare, aprono alle 8.00 e smontano alle 15.00), con scarpe comode e voglia di chiacchierare: gli espositori sono loquaci e simpatici, e cercheranno abilmente di vendervi anche solo un girasole. Preparatevi comunque a passarci mezza giornata visto che Columbia Road e le vie limitrofe come Ezra Street sono tutte da scoprire, facendo pausa magari da Laxeiro (al 93 di Columbia Road).

Sunday Up Market e Backyard Market

Mercati Londra: Sunday Up Market

© Ale Mad

Brick Lane 91 e 146 – Spitalfields. A pochi passi dall’Old Spitalfields Market (Horner Square 16), tappa mitica per l’abbigliamento, vintage e non, troviamo l’alternativo Sunday Up, di fatto un’estensione del primo che, si capisce dal nome, è aperto solo la domenica dalle 11.00 alle 18.00. Collocato nell’edificio della ex Truman Brewery (un vecchio birrificio) propone davvero di tutto, in particolar modo capi di vestiario bizzarri, cilindri d’epoca e accessori che solo a Londra potete trovare. L’attiguo Backyard Market è dedicato a stampe e creazioni di artisti emergenti e affermati, artigianato e dischi in vinile. Una tappa davvero da non perdere, visto il gusto eclettico che lo contraddistingue, approfittando del “padiglione” dove ristorarsi scegliendo tra mille varietà di cibi etnici, dal Giapponese all’Etiope. Gironzolate anche tra gli studi e gli showroom dei giovani e talentuosi stilisti che qui nei paraggi hanno la loro mecca.

Alfies Antique Market

Mercatini Londra: Alfies Antique Market

© Rain Rabbit

Church Street 13 – 25, Marylebone. Oltre 200 operatori dal martedì al sabato offrono a collezionisti e amanti d’antiquariato un una vasta gamma di mobilio decorativo francese, articoli da gioielleria, tessuti antichi, libri, giocattoli, bambole, ceramiche e splendidi manifesti pubblicitari. Molti espositori sono Italiani, e l’atmosfera è davvero piacevole. È uno degli indirizzi preferiti anche da stilisti, costumisti, arredatori: i prezzi sono talvolta scioccanti, ma è un’esperienza da provare sorseggiare un buon tè o concedersi il pranzo al Roof top cafe: in primavera sulla terrazza fiorita ci si delizia con una splendida vista sul tetti di Londra.

La dritta in più: prima della partenza cercate se nella zona che intendete visitare c’è un Car Boots, ovvero una sorta di mercatino itinerante dove la gente espone utilizzando l’auto come bancarella. Nel sito di yourbooty e car boot junction trovate gli indirizzi aggiornati.

Informazioni utili. Per risparmiare sui mezzi pubblici c’è la travelcard, una carta magnetica (giornaliera, settimanale o mensile) ricaricabile valida per metropolitana, autobus, tram, DLR e overground. La si acquista in un qualsiasi bar-tabacchi o direttamente in metropolitana. Per dormire c’è l’imbarazzo della scelta, una possibilità è optare per un appartamento come il monolocale open space per quattro persone nel cuore di Camden Town che trovate su www.gowithoh.it.