Cosa vedere a Berlino: 5 mete imperdibili

Cosa vedere a Berlino

© Stefano Corso

Berlino è una città viva, elegante e inaspettatamente verde. Da visitare più e più volte, non smette di stupire con la sua varietà e ricchezza. A regalare un tocco di familiarità ci pensa la gentilezza dei berlinesi che saranno pure di fretta, ma non si tirano indietro quando c’è da dare un aiuto al turista.

Iniziamo col proporvi alcune tra le mete più significative tra cui pescare per trascorrere un delizioso e lungo weekend berlinese.

 
 

Cosa vedere a Berlino: East side Gallery

L’East side Gallery è la nostra prima tappa e regala emozioni da provare sulla propria pelle. Quel che resta dell’imponente Muro sono due chilometri di camminamento doloroso, ricco di testimonianze storiche che si concludono con un angolo dedicato interamente a chi ha scelto di lasciare la propria firma, imprimendo la mano macchiata di vernice sul muro: un’esperienza originale che arricchisce e fa sentire parte della storia. Vale la pena fare una deviazione insolita per i circuiti turistici tradizionali sulla Oststrand, la spiaggia Est del fiume Sprea, a pochi passi dal Muro. Potrete ammirare la vecchia chiatta Agnes e fermarvi in uno dei tanti locali per assaggiare la birra che a Berlino è tutta un’altra musica, tanto più qui dove gusterete tutto il fascino della città.

 

Cosa vedere a Berlino: il quartiere Mitte e Alexanderplaz

Cosa vedere a Berlino: parchi

© Mattia

Passate per il Mitte, una tappa da brividi: il quartiere lo si raggiunge con qualsiasi mezzo pubblico scendendo alla fermata del Checkpoint Charlie, un tempo uno dei principali luoghi di divisione fra Berlino Ovest ed Est. Si ha immediatamente la sensazione che qui si sia fatta la storia. Gli amanti dello shopping potranno dedicarsi all’acquisto di gadget e souvenir che certo in questa zona sono più cari che altrove. Non perdete l’occasione di farvi scattare una foto in compagnia delle guardie presenti ogni giorno.

Un’idea per il pranzo eccentrica ed economica è quella di consumare un panino fronte Duomo, sul favoloso prato del Lustgarten dal quale è possibile ammirare la figura completa della struttura religiosa. La tappa non è segnata nelle principali guide turistiche, ma in questo modo potrete assaporare la vera vita berlinese.

Nei dintorni si può visitare anche la Porta di Brandeburgo e il Tiergarten il vero polmone verde della immensa Berlino. Chi visita la zona deve necessariamente entrare nel Reichstag con la sua cupola di vetro: il consiglio è quello di prenotare la visita online se si vogliono evitare code chilometriche. La notte il Tiergarten, con la futuristica capanna del Sony Center, si accende di favolosi giochi di luce e si ha la sensazione di essere protagonisti di una serie tv di fantascienza anni ’50. Vien voglia di cenare in questa scintillante location, ma attenzione: i locali e i ristoranti che si trovano in zona sono particolarmente costosi.

Anche volendo è impossibile non visitare la Alexanderplaz. E’ ampia e gloriosa, punto di snodo per raggiungere molte altre attrazioni turistiche e abbandonarla senza uno scatto davanti alla bellissima fontana futuristica è impossibile. Un suggerimento: cenate qui, in uno dei tanti localini che le crescono intorno. Di notte la piazza è un tripudio di colori e di visitatori e i ristoranti offrono menu a prezzi più che abbordabili.

 

Cosa vedere a Berlino: l’Isola dei Musei

Isola dei musei, Berlino

© Jenny Audring

Altra tappa che proprio non può mancare è l’Isola dei Musei un insieme di edifici maestosi e storici. Si può andare a spasso col naso per aria, visitando la location senza un briciolo di organizzazione, oppure scegliere in anticipo i musei da visitare: i più gratificanti sono sicuramente l’Alte National Galerie e il Bode Museum. Il panorama appagherà anche chi con i musei non va molto d’accordo: la zona è infatti interamente affacciata sul fiume e un giro in battello regalerà una visione d’insieme davvero insostituibile.
 
 

Cosa vedere a Berlino: 2 mete alternative

Per gli amanti dei percorsi alternativi il consiglio è quello di visitare Berlino in bicicletta, o di prenotare una bella gita in battello sul lago di Wannsee, fuori dai circuiti turistici convenzionali. Il lago per i berlinesi è un po’ quello che per gli italiani è il mare: le sue rive sono di sabbia e durante la stagione primaverile ed estiva sono interamente abitate di sdraio e ombrelloni. Raggiungere l’omonimo quartiere dal quale partono le gite richiede almeno mezzora ma ne vale la pena: la vista è spettacolare e di turisti ce ne sono davvero pochi. Potete raggiungere la stazione di S-Bahn Berlin-Wannsee con la linea S1 o magari con il regionale. A quel punto non dovete far altro che raggiungere il molo e imbarcarvi. Da non dimenticare che le mini crociere sono attive nel periodo compreso fra Aprile e Settembre.

Altra meta alternativa è rappresentata dalla Gendarmenmarkt che non ha niente a che vedere con le più famose piazze cittadine e regala immediatamente la sensazione di trovarsi in una grande città storica, maestosa, ricca e casa del Duomo Francese e del Duomo tedesco, identici e meravigliosi.

Un viaggio, quello alla volta di Berlino, che appaga la mente e il cuore, una città che non si dimentica facilmente.

Informazioni utili. Due sono gli aeroporti di Berlino, Tegel e Schonefeld. Se optate per un volo low cost, con ogni probabilità atterrerete al Schonefeld che si trova a una ventina di km dalla città. Per raggiungere direttamente il centro prendete l’S-Bahn S9. Per il pernottamento potete scegliere tra gli appartamenti a Berlino vicino Alexanderplatz, in posizione centralissima. Trovate numerose offerte su Go with Oh. Prima di dare via al tour, passate dal centro informazioni (Europaplatz 1) per ricevere un’indispensabile cartina della città, della metropolitana e l’utilissima Berlin Welcom Card che vi consentirà di salire sui mezzi pubblici senza lo stress del biglietto e di ricevere sconti per la visita a vari monumenti (esclusa l’isola dei Musei).